Sanguinamento dopo rapporto sessuale: cosa c’è da sapere

0
17
sanguinamento-dopo-rapporto-sessuale

Il sanguinamento dopo un rapporto sessuale è un fenomeno che capita almeno una volta nella vita e che può rappresentare un episodio del tutto occasionale. Non va comunque sottovalutato perché le perdite potrebbero essere spia della la presenza di piccole piaghe o polipi al collo dell’utero.

Nella nostra guida di oggi cerchiamo di aiutarti a capire quando è il momento di fare attenzione e di rivolgerti ad un medico e quando invece non devi preoccuparti. Non farti prendere dal panico e cerca prima di capire quale sia la causa del problema.

Sono molte le donne che notano di avere avuto delle perdite di sangue a seguito di un rapporto sessuale e se ti capita non devi vergognarti. Vediamo di conoscere meglio le perdite dopo i rapporti sessuali.

Perdite di sangue e rapporti sessuali: le possibili cause

Le perdite di sangue dopo i rapporti sessuali possono essere semplicemente dello spotting, ovvero perdite di sangue che compaiono fuori dal ciclo e che spesso non rappresentano un problema. Se però l’episodio si ripete anche se non hai avuto un rapporto sessuale, consulta il tuo medico. Le perdite potrebbero essere sintomo di uno squilibrio ormonale.

Se il sanguinamento dopo il rapporto si è presentato una sola volta, sarà probabilmente un caso occasionale, se invece avviene dopo ogni rapporto probabilmente qualcosa non va. Il sanguinamento dopo ogni rapporto può essere spia della presenza di un polipo uterino o di alcune piaghe nel collo dell’utero, ma non bisogna mai escludere anche altre cause.

Potresti anche essere poco lubrificata e soffrire di un po’ di secchezza e le perdite potrebbero essere dovuti a dei piccoli traumi da sfregamento. Se l’attività è stata molto intensa le perdite potrebbero essere dovute a dei traumi che in genere non causano danni seri.

Se la donna è vergine il sanguinamento è dovuto alla rottura dell’imene, se è ai primi rapporti sessuali il sanguinamento potrebbe essere dovuto all’imene che, pur essendosi rotto la prima volta, ha ancora alcuni resti da eliminare.

In genere il sanguinamento dopo il rapporto sessuale è dovuto ad una irritazione a carico della mucosa vaginale. Se la donna soffre di secchezza vaginale può soffrire di perdite durante i rapporti. La secchezza può essere dovuta a:

  • Assunzione della pillola contraccettiva, che spesso tra gli effetti collaterali presenta la secchezza vaginale;
  • Mancanza di eccitazione, se non si crea la situazione giusta o non si fanno preliminari la donna può non lubrificarsi a sufficienza;
  • Squilibri ormonali, se la donna soffre di sbalzi ormonali potrebbe soffrire anche di secchezza;
  • Calo della libido, l’età e gli sbalzi ormonali possono causare calo della libido che provoca secchezza;

La secchezza è spesso la causa di perdite di sangue dopo i rapporti. Un’altra causa di perdite è la vaginite che infiamma la parte e rende difficoltoso il rapporto. Se invece il sanguinamento dopo il rapporto è particolarmente abbondante si capisce che si tratta di una perdita profonda, è necessario rivolgersi subito ad un medico.

Potrebbe trattarsi di una perdita che ha origine dal collo dell’utero e da una piccola piaga. Anche un polipo nel collo dell’utero o un fibroma può essere causa di perdite di sangue. Queste patologie non vanno mai trascurate perché potrebbero causare danni anche seri.

I polipi o i fibromi si possono sviluppare anche nell’endometrio e causare un sanguinamento più abbondante. Se noti del sangue dopo il rapporto sessuale non devi spaventarti subito, valuta la situazione e la quantità delle perdite e se pensi che sia il caso contatta il tuo medico.

Cerca di capire se si tratta di un episodio occasionale o se si è già ripetuto. Se non sei sicura di che tipo di perdita sia puoi rivolgerti al tuo medico e prenotare una visita ginecologica. Il ginecologo ti prescriverà di certo un pap-test, un HPV Dna Test e se dovessero risultare positivi potrebbe anche fare un esame colposcopico. La colposcopia è un’ispezione del collo dell’utero con un’ecografia pelvica.

Se assumi la pillola anticoncezionale potrebbe trattarsi di un episodio sporadico. Se assumi la pillola progestinica o mini pillola potrebbe trattarsi di perdite di assestamento, quindi nulla di strano. Se soffri di secchezza vaginale cerca di utilizzare del lubrificante vaginale prima del rapporto sessuale per evitare lo sfregamento e i traumi.

Se sei nel periodo in cui sai che stanno per arrivare le mestruazioni e hai un rapporto sessuale, il sanguinamento potrebbe essere del tutto innocuo. Il rapporto potrebbe aver smosso semplicemente delle perdite che erano già in sede. Quindi nulla da preoccuparsi. Vediamo insieme se ci sono dei rimedi per chi soffre di perdite di sangue dopo i rapporti sessuali.

Rimedi e cure

cure-per-il-sanguinamento-dopo-i-rapporti-sessuali

A seconda del tipo di problematica si ricorre ad una soluzione diversa. Solo il medico potrà indicarti una terapia per risolvere il tuo problema specifico. Se soffi di polipi e fibromi dovrai rivolgerti necessariamente al medico e decidere con lui la terapia adeguata. In alcuni casi potrebbe risultare necessario anche un intervento chirurgico.

Se si tratta di semplice secchezza ti basterà utilizzare del lubrificante per eliminare il problema. Se soffri di vaginite il medico ti prescriverà dei medicinali adeguati a sconfiggere il problema. Se invece hai degli sbalzi ormonali, il medico potrebbe prescriverti una terapia ormonale sostitutiva o la pillola anticoncezionale per migliorare la situazione.

Se la causa del sanguinamento è un rapporto molto intenso potresti semplicemente essere delicata e l’unica soluzione è fare più attenzione. Potresti anche esserti graffiata all’interno durante i preliminari, e a quel punto non c’è da preoccuparsi per le perdite che svaniranno da sole.

Nel caso in cui si tratti di spotting (leggi in tal caso “Macchie rosa prima del ciclo. Quali sono le cause e come comportarsi“) occasionale non c’è nulla da preoccuparsi e non è necessaria alcuna terapia da seguire. Ricorda che la nostra guida è a solo scopo informativo e che non può sostituire il parere del medico o del ginecologo, quindi se soffri di perdite e non sai come comportarti, contatta il tuo ginecologo.

Ricorda di non trascurare il problema e di ascoltare sempre i segni e i segnali che il tuo corpo ti manda. Non vergognarti se soffri di perdite, ricorda che parlarne è il modo migliore per risolvere il problema e il primo passo per liberarsene.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here