Bruciori intimi. Quali sono le cause e come curarli

0
10
pruriti e bruciori intimi

bruciori intimi sono un tipico disturbo che interessa l’universo femminile, è un problema molto comune, ma anche parecchio fastidioso. Può verificarsi per molte cause, ma spesso compare a seguito di una irritazione, di una infiammazione oppure di una infezione.

Nella nostra guida di oggi vediamo insieme cosa sono i bruciori intimi e quali sono le sue principali e più comuni cause. Vedremo anche cosa bisogna fare per trattarlo e anche per ottenere una diagnosi.

Bruciori intimi, cosa sono

I bruciori intimi potrebbero essere causati da un processo patologico che va a colpire la vulva o il tratto urinario. L’intensità e il tipo di bruciore cambia a seconda del tipo di patologia e della causa oltre che per i fattori di concausa che ne incoraggiano la comparsa.

Il bruciore può essere causato da:

  • Variazioni a livello degli ormoni;
  • Cambiamenti nell’ecosistema della vagina;
  • Reazioni irritative;

I bruciori sono un problema molto fastidioso soprattutto perché si trova in una zona molto sensibile. La sensazione può essere continua oppure presentarsi solo a seguito di attività specifiche o essere saltuaria. I bruciori possono comparire a seguito o durante i rapporti sessuali o anche a seguito o durante la minzione.

I bruciori compaiono perché lo sfregamento durante i rapporti provoca irritazione e perché l’urina va a toccare le aree infiammate aumentandone la sensibilità. I bruciori possono comparire in pochi giorni o nel corso dei mesi, può essere passeggero o costante.

A seconda del tipo di problema alla sensazione di bruciore si possono associare anche:

  • Prurito;
  • Eritema;
  • Dolore;
  • Perdite vaginali;

Per capire qual sia la causa scatenante del bruciore, il ginecologo deve effettuare una analisi specifica delle secrezioni vaginali e un controllo accurato.

Cause dei bruciori

Le cause più comuni dei bruciori intimi possono essere:

Anche alcune alterazioni della flora batterica vaginale possono dare origine al sintomo di bruciore. Il bruciore può anche essere provocato da delle possibili reazioni di ipersensibilità e da irritazioni che interessano e affliggono la mucosa vaginale.


Potrebbe interessarti: Vulvovaginite in gravidanza: riconoscerla, conseguenze e rimedi

Una causa del bruciore potrebbe essere anche l’eccessivo utilizzo di detergenti intimi, spray igienici o lavande vaginali che potrebbero abbassare le difese intime. Alcuni detersivi e ammorbidenti potrebbero causare comparsa di bruciore e dare origine a sintomi di ipersensibilità.

Una reazione allergica ai profilattici in lattice potrebbero dare origine al bruciore. Per capire se le cause sono da associarsi a sintomi di natura allergica bisogna rivolgersi necessariamente ad un medico allergologo.

Una inadeguata lubrificazione nel corso dei rapporti potrebbe provocare la comparsa di vaginite con bruciore, l’utilizzo di indumenti troppo stretti, magari anche di materiale sintetico e gli sfregamenti possono causare o aumentare il rischio di bruciore.

L’umidità, la sabbia l’uso di assorbenti e di assorbenti interni possono causare bruciori causando una  alterazione della flora batterica naturale della zona intima.

Non bisogna mai trascurare il bruciore dato che potrebbe essere associato ad una vaginosi di origine batterica può potrebbe causare alla donne delle complicanze ginecologiche. Il bruciore vaginale può anche essere spia della presenza di una infezione a trasmissione sessuale, come ad esempio la clamidia, l’herpes genitale oppure la gonorrea.

Tra le rimanenti cause del bruciore intimo elenchiamo anche la menopausa che può causare secchezza e quindi dare origine al prurito. Anche il parto, che causa alterazioni ormonali, può provocare la comparsa di bruciore.

Anche l’allattamento potrebbe causare variazioni ormonali e quindi di conseguenza dare origine al fastidioso bruciore. Una diminuzione dei normali livelli degli estrogeni con la comparsa di un conseguente prurito potrebbe essere provocata anche dall’asportazione chirurgica delle ovaie o da una cura con chemioterapia.

Segni e diagnosi

I sintomi associati al bruciore intimo sono:

  • Bruciore da contatto o sfregamento;
  • Bruciore dopo o nel corso di rapporti sessuali;
  • Comparsa di bruciore durante la minzione;

La diagnosi di bruciore intimo si fa solo a seguito di un controllo specifico ginecologico e con esami dei campioni delle secrezioni vaginali prelevate dal ginecologo. Il medico preleva dei campioni di secrezioni utilizzando uno specifico tampone e dopo una prima analisi al microscopio, le invia ad un laboratorio analisi.

Cura e terapia

Abbiamo visto che le cause della presenza di un bruciore intimo sono varie e diverse tra loro. Se la causa del bruciore fosse una vaginite di origine batterica la terapia sarà a base di antibiotici. Se il bruciore dovesse avere origine da infezioni da funghi come ad esempio la candida, si ricorrerà alla somministrazione di farmaci antimicotici.

Se il bruciore intimo fosse provocato da allergie o reazioni di ipersensibilità bisogna sospendere subito l’uso della sostanza che genera il fastidio e assumere, in alcuni casi e se indicato dal medico, dei farmaci antistaminici.

Si consiglia di evitare di esagerare con gli spray e con le lavande vaginali per evitare il peggioramento del bruciore. Anche i lavaggi continui possono indebolire la flora batterica intima. Una corretta igiene, quindi non eccessiva, aiuta a migliorare la flora batterica vaginale e a guarire velocemente riducendo la comparsa di recidive.

Asciugare bene le parti intime dopo ogni lavaggio abbassa notevolmente il rischio che si sviluppino delle infezioni fungine da candida. Si consiglia di utilizzare abiti traspiranti e di tessuti naturali come cotone. Si sconsigliano abiti colorati e se si soffre di bruciore si dovrebbe optare per degli abiti chiari. Anche gli abiti possono essere un importante aiuto per guarire con rapidità e per ridurre il rischio di comparsa di nuove infezioni o di recidive.

Ricordiamo che la nostra guida sul bruciore intimo è a scopo unicamente informativo e che non sostituisce il parere del medico o del ginecologo per nessuna ragione. Se noti di soffrire dei sintomi associati ad un bruciore alle parti intime ti consigliamo di contattare il tuo medico e di prenotare una visita specialistica dal ginecologo.

Ricorda di non trascurare mai i problemi alle parti intime e di proteggerti durante i rapporti sessuali. Se soffri di bruciore e hai un partner, deve sottoporsi ad una terapia per evitare l’effetto rimbalzo e la comparsa di recidive.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here